10 abitudini di benessere da provare

Avrai sicuramente sentito parlare dell’ultima novità in tema di benessere e cura personale che devi assolutamente provare per ottenere quei risultati che stavi cercando. Ma la domanda è: sarà vero o sarà una delle solite bufale?

Alcune di queste tendenze di benessere hanno attirato anche la mia attenzione e ho deciso di inserirle tra le mie routine quotidiane e i risultati sono stati piacevoli, alle volte anche sorprendenti.

Bisogna dire però che spesso ci vuole del tempo perché un’abitudine abbia un impatto positivo su di noi e ci vuole anche una certa attitudine e cura nel porla in essere, non possiamo scaricare tutte le colpe sull’azione o sul prodotto ma partecipare attivamente alla cura di noi stessi.

Quindi alla fine della lettura di questo articolo preparati a organizzare la tua giornata in modo tale da inserirne una o più nella tua quotidianità e lasciati la possibilità di adattamento per qualche giorno, di ascolto e di scoperta di un nuovo modo di conoscerTI!

wellness

Ho stilato una classifica delle 10 abitudini che sono effettivamente diventate parte della mia routine ed hanno avuto un impatto super positivo sulla salute e sul benessere di corpo e mente.

Eccole qui:

Table of Contents

Yoga

Non potrei non inserire lo yoga al primo posto di questa classifica anche se più che un’abitudine è diventato proprio parte del mio modo di vivere.

Lo inserisco tra le abitudini di tendenza perché ormai tanti esponenti dello spettacolo, influencer, personaggi di spicco praticano yoga e condividono i risultati di quella che una volta era una pratica lontana e sconosciuta in Occidente. Oggi lo yoga ha raggiunto oggi il grande pubblico con un enorme successo per i suoi benefici legati soprattutto alla gestione dello stress e alla flessibilità.

Devo ammettere che anche io sono stata attratta dal rendere il mio corpo più flessibile e dall’imparare a gestire gli stati di ansia ma poi questa pratica mi ha donato più di quanto potessi immaginare con dei benefici sul mio corpo e sulla mia mente che mai nient’altro mi aveva permesso di raggiungere.

Su Toyoga condivido il mio modo di vivere lo yoga con corsi e lezioni adatti a tutti trasmettendo quel benessere che lo yoga mi ha regalato a chiunque voglia condividerlo con me. Lo yoga è esperienza e non può essere raccontato per questo ti aspetto su Toyoga per praticare insieme e sentire in prima persona ciò di cui sto parlando.

Pulizia della lingua

La seconda abitudine è un’antica pratica ayurvedica che ormai da qualche anno seguo regolarmente e si tratta della pulizia della lingua. Attraverso uno strumentino a ferro di cavallo utilizzato per raschiare la lingua viene rimossa una patina bianco-giallastra lì presente che si accumula durante la notte.

Perciò ogni mattina prima di bere, mangiare o ingerire qualsiasi cosa effettuo la pulizia della lingua per: migliorare l’igiene orale, rimuovere le tossine accumulate (invece di ingerirle di nuovo), stimolare una prima attività di digestione, togliere l’alito cattivo e mi aiuta anche a percepire meglio il sapore del cibo.

Puoi acquistare il nettalingua nei negozi di prodotti naturali della tua città oppure su Amazon e scegliere tra quelli in acciaio o rame. Ti suggerisco l’acciaio ma trovi entrambi i modelli con facilità.

Acqua calda

Dopo la pulizia della lingua la mia giornata inizia con due bicchieri di acqua calda. Non ho mai apprezzato l’acqua fredda e non amo bere bevande dal frigorifero ma avevo sempre optato per un’acqua a temperatura ambiente mentre invece negli ultimi tempi ho iniziato ad apprezzare sempre di più questa pratica orientale almeno di prima mattina.

La temperatura dell’acqua non deve essere bollente, va benissimo dell’acqua bollita per alcuni minuti e poi lasciata raffreddare oppure scaldata senza raggiungere dei gradi da ustione! 

L’acqua calda stimola e attiva la digestione e mi ha aiutata molto nel risolvere i miei problemi di digestione lenta in più rispetta la temperatura del mio corpo di prima mattina e non crea quella sensazione di gelo e blocco nello stomaco. 

Se l’acqua calda non fa proprio per te puoi provare ad aromatizzarla con succo di un limone, zenzero e cannella. 

Farà la differenza anche sulle tempistiche della tua giornata invitandoti a cominciare con calma e mantenere la mente rilassata per cominciare con gentilezza.

Doccia fredda

Al contrario dell’acqua che bevo quella che uso per lavarmi è di una temperatura decisamente più bassa…

Ho introdotto questa nuova abitudine da poco dopo averne sentito parlare tante volte e dopo averci provato con scarsi risultati ma ora non posso più farne a meno!

In realtà la mia doccia mattutina non è completamente fredda e prevede una parte iniziale di doccia calda in cui mi insapono poi una conclusione con 1 minuto circa di doccia fredda. Questo è il massimo che riesco a resistere attualmente ma già mi lascia dei risultati incredibili: migliora i livelli di energia, attiva la circolazione, riduce lo stress e l’infiammazione, migliora il sistema immunitario.

Per i pochi secondi di doccia fredda mi aiuto con una respirazione profonda e cerco di ascoltare il mio corpo rimanendo il più calma possibile, la doccia diventa così un rituale di fiducia e forza in me stessa invece che una punizione ed è un vero piacere farla!

Dry brush (spazzolatura a secco)

Anche questa tecnica non è in realtà una novità ma è tornata recentemente di moda e consiste nello spazzolare il corpo con movimenti circolari dal basso verso l’alto con una spazzola di setole di questo genere (foto). Come il nettalingua è facilissima da reperire negli stessi negozi e se ne trovano di varie versioni in base alle proprie preferenze.

Prima (o dopo) la doccia passo la spazzola su tutto il corpo con una leggera pressione per migliorare la circolazione, avere un effetto esfoliante e tonificante della pelle e un massaggio che riduce lo stress. Il dry brushing agisce anche sul sistema linfatico e aiuta a rimuovere gli inestetismi della pelle, attiva l’energia del corpo ed è perfetto prima della mia pratica di yoga!

Gua sha

gua sha

Bastano pochi minuti per ottenere un effetto lifting, sgonfiante e levigante sul viso e collo passando una pietra (il gua sha) in quarzo rosa, giada o altre resine per massaggiare e rilassare immediatamente la muscolatura facciale. E’ una coccola adorabile dopo aver pulito il viso e magari aggiunto un goccio di olio naturale per permettere alla pietra di scorrere meglio. 

Trovi il gua sha nei negozi di prodotti beauty, naturali o online.

Non bere il caffè a stomaco vuoto

Per un’amante del caffè come me è sempre stato facile svegliarsi alla mattina e bere una tazzina al volo, fare poi la mia pratica di yoga o uscire a correre e finire per mangiare la colazione alcune ore dopo ma questa abitudine sfociava in acidità di stomaco, pesantezza e mancanza di energia, fame e nervosismo.

Informandomi ho trovato diversi suggerimenti che segnalavano come il caffè a stomaco vuoto fosse nocivo anche per l’equilibrio ormonale e che se proprio non si vuole rinunciare al suo aroma profumato sarebbe meglio consumarlo dopo un pasto.

Ho provato quindi a scambiare il caffè mattutino con l’acqua calda e concedermi la mia tazzina dopo la colazione e devo dire che non tornerò più indietro.

Il caffè ora supporta la mia digestione senza alterare i livelli di stress o di glicemia nel corpo aiutandomi a mantenere corpo e mente in equilibrio.

Camminare all'aperto

Se questa abitudine è di facile riuscita in estate (soprattuto per chi come me vive al mare) non è scontata d’inverno quando le giornate si accorciano e durante le ore di sole ci si ritrova davanti al computer o in ufficio/ scuola/palestra/altro per lavoro. 

Quest’anno però mi sono impegnata a prendermi 10-15 minuti di sole ogni giorno per aiutare il corpo a ricevere la vitamina D necessaria (quando possibile) e per prendere una boccata d’aria. Mi piace dirigermi verso il mare o passeggiare nel verde e ricevere anche solo per pochi minuti i benefici delle camminate in natura: stimola l’attività cardiovascolare, riduce le tensioni, dona un senso di benessere, equilibrio ed energia.

Alzare le gambe al muro

Questa posizione dello yoga che significa fondamentalmente posizione in inversione (Viparita Karani) se eseguita contro il muro diventa un momento di relax per corpo e mente: aiuta a ridurre il mal di schiena, stimolare la circolazione e la digestione, riduce ansia e stress e stimola il movimento dell’energia verso i centri vitali del corpo.

Può essere eseguita in ogni momento della giornata ma per me il migliore è la sera prima di andare a dormire per conciliare il sonno e alleggerire le gambe magari leggendo un buon libro per una decina di minuti o più.

Riposo

Rivedere le mie priorità inserendo il riposo tra una di queste non è stato facile e ha richiesto un cambio di prospettiva. Dormire e recuperare sono attività fondamentali per la salute del nostro organismo.

Non sto dicendo di dormire fino alle 12 ogni giorno ma di creare un’organizzazione quotidiana per cui sia possibile andare a dormire intorno alle 22 e svegliarsi verso le 6, allineandosi con i cicli di luce e buio e sfruttando le migliori ore di riposo. Una mancanza di sonno altera completamente i livelli ormonali del corpo e comporta una maggior predisposizione ad ammalarsi o stressarsi con tutte le conseguenze che ne derivano. 

Praticare yoga alla mattina presto mi aiuta a regolare la mia sveglia biologica: le respirazioni, le meditazioni e le posizioni stimolano il sistema nervoso autonomo parasimpatico, ovvero quello che regola il recupero e l’equilibrio delle funzioni fisiologiche autonome del corpo e anche la qualità del sonno agendo così con un effetto indiretto sul nostro benessere generale.

Conclusioni

Ora non ti resta che scegliere da dove cominciare!

Un ultimo consiglio è quello di non stravolgere la tua vita rendendo impossibile mantenere delle abitudini troppo distanti da te adesso ma di cambiare qualcosa a piccoli step, osservare come ti senti e ascoltare le tue esigenze poi pian piano inserire una nuova abitudine e muoverti sempre di più verso scelte consapevoli per prenderti cura di te.

Buon percorso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *