Respirazione per rinfrescare (Sheetali)

Con il termine Pranayama si indicano le tecniche di respirazione dello yoga. “Prana” significa infatti energia vitale o respiro e (a)yama significa estensione, perciò il pranayama riguarda fondamentalmente la consapevolezza del respiro e la sua estensione. 

Il respiro è direttamente collegato alla mente e agire su uno significa agire sull’altra. Conoscere e gestire il respiro ci permette di allenare la mentre alla calma e alla stabilità, sostenendo e ripristinando dei processi fisiologici nel corpo. Insomma, tutto è connesso e possiamo imparare a governare ciò che è “più semplice” controllare per raggiungere risultati molto più ampi.   

Secondo l’Hatha Yoga Pradipika rientrano in questa categoria 8 pratiche tradizionali: Surya Bhedana, Ujjayi, Sitkari, Sheetali, Bhastrika, Bhramari, Plavini e Murccha ma attualmente esistono tante diverse tipologie di pranayama. 

Oggi voglio presentarti Sheetali pranayama o la respirazione rinfrescante. 

Sheet significa appunto “freddo” e questa respirazione stimola diversi centri cerebrali associati alla regolazione della temperatura corporea. Questa respirazione rientra tra le 8 tecniche classiche di pranayama secondo l’Hatha Yoga e gli sono riconosciuti alcuni benefici e controindicazioni. 

Prima di illustrare come praticarlo controlla sempre di essere nelle giuste condizioni per questa pratica.

Benefici di Sheetali pranayama 

Come ho già detto il principale beneficio di questa respirazione è quello di generare un senso di raffreddamento, poi Sheetali vanta anche altri benefici.

Questa respirazione infatti ha un effetto calmante sulla mente e sulle emozioni, stimola il flusso del prana nel corpo, controlla il senso della fame e della sete e regala un generale senso di soddisfazione. 

Sheetali pranayama agisce anche ristabilendo i livelli di Pitta (il dosha composto principalmente dall’elemento fuoco) che può eccedere soprattutto in estate, ma anche dopo un’attività molto scaldante o situazioni che incrementano il nostro fuoco interiore. 

Inoltre mitiga l’iperacidità del tratto digestivo, aiuta ad abbassare le infiammazioni della pelle e del corpo, calmando anche la febbre, sostiene le funzioni del sistema immunitario, allevia lo stress e riduce la pressione sanguigna. 

Controindicazioni di Sheetali pranayama

La respirazione Sheetali è controindicata per chi soffre di pressione molto bassa, disturbi della respirazione (come asma, bronchite,…) e chi soffre di costipazione cronicizzata. Questa respirazione dovrebbe essere evitata anche in caso di eccesso di inquinamento dell’aria poiché l’inspirazione avviene tramite la bocca e quindi senza l’azione di filtro delle cavità nasali. 

Ma veniamo ora alla pratica:

Come eseguire Sheetali pranayama
  • Trova una posizione comoda, magari sedendoti a gambe incrociate o nella posizione del loto a terra o con un cuscino sotto i glutei, oppure su una sedia o ancora sul divano. Controlla che le tue ginocchia siano sotto la linea del tuo bacino e distendi la colonna vertebrale. 
  • Una volta trovata la tua posizione, chiudi gli occhi o rilassa lo sguardo verso il basso. Esegui alcuni respiri iniziali utilizzando solo le narici e allungando il respiro (5 o 6 secondi per la durata dell’inspirazione e dell’espirazione). 
  • Quando sentirai la mente calma preparati per cominciare la respirazione Sheetali.
  • Per prima cosa arrotola la lingua unendo le estremità al centro e creando un canale tubolare per l’aria (se non riesci a farlo non preoccuparti, puoi sempre serrare i denti facendo per fare entrare l’aria dalle fessure, in questo modo starai praticando Shitkari pranayama che ha gli stessi effetti). 
  • Ora mantenendo la lingua arrotolata (oppure i denti serrati) respira dalla bocca sempre in modo lento e lungo, riempi i polmoni. Sentirai un rumore simile al soffio del vento.  
  • Poi espira lentamente dalle narici. 
  • Inizia a osservare le sensazioni, magari sentirai l’umidità della bocca che rinfresca l’aria dell’inspirazione portando della freschezza dentro di te. 
  • Ripeti un primo ciclo di circa 10 respiri, poi riposa respirando naturalmente e se vuoi ripetine un altro.  

Questa respirazione è adatta da praticare durante giornate caldissime come quelle di questa estate!

Buona pratica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *